È la rivoluzione dello smart working, cos’è? Semplicemente il lavoro intelligente che ha una sola caratteristica: la flessibilità.

Quando il datore di lavoro decide di cambiare visione, innovandosi e capendo quanto sia importante il benessere dei dipendenti, è lì che avviene la rivoluzione: lo smart working.

Gli spazi aziendali vengono rivisti per accogliere gli smart worker quando non lavorano da casa. Gli uffici non sono più quelli tradizionali: vengono sostituiti da spazi ampi, confortevoli e funzionali. Si dedica tempo anche alla scelta di determinati colori delle diverse aree di lavoro e della temperatura corretta degli ambienti che permette l’efficienza e il benessere dei lavoratori. Un ufficio con spazi di smart working  è caratterizzato dall’alto tasso di tecnologia presente nelle zone di lavoro: wi-fi ad alta velocità, strumenti tecnologici che consentano l’efficacia del lavoro e prese e armadietti che permettano al lavoratore di sentirsi a proprio agio.

Quali sono le esigenze di ogni lavoratore che lo smart office riesce a soddisfare?

I benefici dello smart working.

Lo smart working permette l’abbattimento dei costi per gli spazi fisici, migliorando anche tempi e costi di trasferimento di dati e personale. Migliora il concetto di “work-life balance“: migliora la produttività del lavoratore che riduce le assenze e aumenta la propria motivazione e soddisfazione in ambienti smart e moderni.

Ufficio fisso addio, oggi ci si collega dove si vuole, con orari flessibili: il benessere fisico e mentale ci guadagna, così come la produttività.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *